Visto che credo fermamente che la nostra salute sia strettamente legata alla salute del nostro intestino, oggi vi voglio parlare di come riequilibrare la flora batterica.

Se vi state domandando a cosa possa servirvi questo articolo, se vi dicessi: gonfiore addominale, stitichezza, diarrea cronica, sindrome dell’intestino irritabile e depressione, queste sono cose più concrete, vero? Ecco, questi sono tutti sintomi strettamente legati ad un disequilibrio della flora batterica (disbiosi).

Siete curiosi di saperne di più?

 

IL MICROBIOTA: LA NOSTRA FLORA BATTERICA

Il microbiota non è altro che la numerosissima comunità di batteri che vive nel nostro intestino. Alcuni batteri vivono nell’intestino tenue, ma la maggior parte si trovano nel nostro intestino crasso.

Questi batteri arrivano nella nostra pancia durante il parto e aumentano piano piano durante l’allattamento e lo svezzamento. Anche tutti i batteri che recuperiamo qua e là da piccoli leccando tutto quello che ci passa sotto mano contribuisce alla nostra flora batterica, creando così un perfetto equilibrio tra batteri “buoni” e batteri “cattivi”.

Spesso alla parola “batteri” viene data una connotazione negativa, ma non è affatto così nel caso del microbiota con il quale creiamo un rapporto simbiotico e di reciproco aiuto: noi gli diamo una casetta comoda e accogliente e tanto buon cibo e lui, come ricompensa, ci fa dei favori enormi.

Per prima cosa regola il nostro sistema immunitario, “insegnandogli” a modulare la risposta immunitaria. In sostanza fa sì che il nostro sistema immunitario reagisca in modo consono all’attacco ricevuto: se c’è un batterio nemico un po’ sfigato che ci attacca, il microbiota dice al sistema immunitario che non ha senso mobilitare un esercito che farebbe un disastro epocale infiammando i nostri tessuti; al contrario, se l’invasore è un bell’esercito di batteri o funghi cattivi, ecco che il microbiota dice al sistema immunitario che è decisamente il caso di tirar fuori l’artiglieria pesante. E’ un modo molto semplificativo di spiegare cosa fa per noi il microbiota, ma vi fa capire meglio la relazione tra intestino e sistema immunitario.

Oltre a fare il generale della situazione,il microbiota combatte in prima linea per difenderci da batteri e virus patogeni. Il micobiota rappresenta la nostra prima fonte di difesa verso gli attacchi esterni: se arriva un batterio/fungo/virus cattivo, i primi a prenderlo a pugni sono proprio i nostri batteri buoni.

Ci rende felici e contenti! Recenti dati scientifici indicano che che i batteri intestinali possono influenzare la percezione del mondo e modificare il nostro comportamento. Basti pensare che proprio la microflora intestinale influenza il livello di serotonina, un potente neurotrasmettitore conosciuto anche come “ormone della felicità”.

Il microbiota decreta anche se siamo magri o cicciotti poiché regola il metabolismo.

Infine, il microbiota, a partire dalle fibre che mangiamo, produce per noi sostanze importantissime come gli acidi grassi a catena corta che proteggono le nostre pareti intestinali dall’infiammazione e vitamine del gruppo B e la vitamina K.

Non male, vero?

 

DISBIOSI: DISEQUILIBRIO DELLA FLORA BATTERICA

Come abbiamo visto prima, il nostro microbiota non è composto unicamente da batteri buoni. Qualche batterio “cattivo” c’è, ma se la flora batterica è in equilibrio il loro numero è tenuto sotto controllo dai batteri buoni. Il problema si presenta quando il numero di batteri cattivi supera in numero i batteri buoni: questa condizione è chiamata disbiosi.
Questi cavolo di batteri cattivi “rubano” il cibo ai batteri buoni e dopo averlo digerito sputacchiano nel nostro corpo sostanze che possono creare infiammazione e indebolire nostro sistema immunitario e gli organi che sono il nostro “punto debole”.

Cosa può causare una disbiosi intestinale?

  • L’utilizzo di antibiotici è sicuramente la causa principale. Gli antibiotici non ammazzano solo i batteri cattivi, ma anche buona parte dei batteri buoni creando un grandissimo scompenso nel nostro microbiota.
  • L’alimentazione è un’altra causa primaria. Ormai è stato dimostrato che l’alimentazione influisce sulla composizione del nostro microbiota. Un’alimentazione ricca di prodotti raffinati (farina bianca in primis), zucchero bianco e di oli vegetali ricchi di omega 6 (olio di girasole, arachidi, cartamo, soia ecc. contenuti nei prodotti da forno preconfezionati) riduce la quantità di batteri buoni, favorendo il proliferare di specie patogene (batteri cattivi). Un’alimentazione ricca di proteine stimola, invece, la produzione di sostanze infiammatorie a livello intestinale. Un’alimentazione vegetariana e ricca di carboidrati complessi è quella che in assoluto piace di più al nostro microbiota.
  • Episodi di diarrea che portano via un sacco di batteri del nostro microbiota.
  • Malnutrizione, spesso auto-indotta come nei casi dei disturbi dell’alimentazione: i batteri hanno bisogno di cibo e un’alimentazione povera di calorie induce la diminuzioni di alcune specie di batteri “buoni”.
  • Il consumo di alcol, droghe, tabacco così come l’inquinamento contrastano la crescita di batteri buoni
  • L’utilizzo di acqua del rubinetto contenente cloro – se ci pensate il cloro viene messo proprio per igienizzare e sterilizzare l’acqua, perché non dovrebbe fare lo stesso anche con i vostri adorati batteri intestinali?
  • Medicine come gli anti-infiammatori steroidei possono ammazzare i batteri buoni e promuovere lo sviluppo di batteri patogeni
  • La pillola anticoncezionale influisce negativamente sul nostro microbiota.
  • Il mangiare troppo: se mangiamo molto più di quanto il nostro apparato digerente non sia in grado di digerire, tutto ciò che non è stato digerito in modo efficiente da noi diventa cibo per i batteri cattivi che iniziano a proliferare felicemente.
  • Lo stress: quando siamo stressati è come se il nostro apparato digerente andasse in sciopero e quindi ben poco di ciò che mangiamo viene digerito opportunamente e tutto il resto diventa cibo con cui i batteri cattivi possono banchettare.

 

Quali sono i sintomi della disbiosi intestinale?

  • Voglia di dolce e di dolci
  • Stitichezza
  • Diarrea o feci sempre molli e malformate
  • Stitichezza e diarrea alternate
  • Gonfiore addominale
  • Dolori addominali
  • Flatulenza (se le puzzette sono puzzolenti significa che c’è fermentazione da parte di batteri cattivi!)
  • Muco nelle feci
  • Stanchezza eccessiva
  • Disturbi del sonno / insonnia
  • Pelle sensibile con sfoghi e prurito
  • Acne / problemi alla pelle
  • Sensazione di non stare bene, senza apparente motivo
  • Poca concentrazione e memoria
  • Tristezza, depressione e apatia
  • Problemi ormonali come sindrome premestruale, irregolarità del ciclo
  • Intolleranze alimentari
  • Malattie autoimmuni
  • Candida vaginale e intestinale

 

10 CONSIGLI PER RIEQUILIBRARE LA FLORA BATTERICA

  1. Prediligere un’alimentazione basata su prodotti integrali e naturali – sul mio sito trovate tantissime idee e ricette che vi faranno scoprire quanto sia facile e buono mangiare sano  rendendo felice il microbiota ogni giorno – Seguire le regole del #POSTSUMMERDETOX2018 per un periodo potrebbe essere di grande aiuto
  2. Consumare tante verdure, soprattutto a foglia verde (meglio se cotte per facilitarne la digestione), cereali integrali e legumi (iniziate con piccole quantità se non siete abituati) – questi sono gli alimenti preferiti dalla nostra flora batterica
  3. Bere acqua senza cloro (filtrata con opportune brocche o in bottiglie di vetro)
  4. Evitare tutti i prodotti raffinati e preconfezionati contenenti farina bianca, zucchero bianco, oli e margarine vegetali (biscotti, crackers, torte, merendine, patatine, salatini, caramelle, bevande gassate ecc.) 
  5. Evitare il consumo di alcol, tabacco e droghe (uno Spritz ogni tanto ci sta, ma che non sia un’abitudine quotidiana!)
  6. Limitare l’utilizzo di antibiotici solo a casi strettamente necessari (sono davvero rarissimi, sappiatelo!)
  7. Evitare l’utilizzo di farmaci (anti-infiammatori, pillola, ecc.), ammesso che non siano strettamente necessari.
  8. Eliminare i batteri cattivi con rimedi omeopatici o con fitoterapici come aglio, estratto di semi di pompelmo, olio di origano, argento colloidale, acido caprilico (non fate fai da te, ma fatevi seguire da persone esperte!)
  9. Ripopolare la flora batterica con batteri buoni utilizzando probiotici (in pastiglie o sotto forma di alimenti come i sauerkraut e il miso).
  10. Ridurre lo stress (yoga e meditazione sono due ottimi modi)

 

Visto che so che spesso è difficile trovare la motivazione per iniziare un percorso come questo da soli, sappiate che da inizio Ottobre ricomincerò a fare le Consulenze Online! Se vorrete, sarò felicissima di aiutarvi a raggiungere il benessere psico-fisico che cercate da tempo consigliandovi ricette semplici e veloci perfette per voi!
Per informazioni e appuntamenti scrivetemi a: info.emanuelacaorsi@gmail.com

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER!

Se vuoi ricevere le mie ricette, i miei articoli per imparare a volerti bene ogni giorno di più, le date dei prossimi corsi, anteprime imperdibili e altri contenuti esclusivi, inserisci la tua mail nel form sottostante.

You have Successfully Subscribed!