La premessa delle premesse è che la Dieta Mima-Digiuno (DMD) che ho fatto è una DMD “fai-da-me”. Con questo non voglio assolutamente dire che la mia DMD sia migliore di quella ideata dal Prof. Valter Longo, ma proprio per mettere in evidenza il fatto che io la ho fatta un po’ a modo mio perché non ho acquistato il suo Kit e perché le uniche indicazioni che avevo erano quelle riportare nel suo libro “La dieta della Longevità”, che vi invito a leggere.  

 

Cosa è la dieta Mima-Digiuno (DMD)

La DMD è una dieta, creata dal Professor Valter Longo, che, come dice il suo nome, simula il digiuno. Si, insomma, si inganna il corpo facendogli credere che stiamo digiunando. Durante questo digiuno apparente “si costringe la maggior parte delle cellule a passare a uno stato di stand-by e a distruggere componenti non necessarie (proteine, mitocondri, ecc.); altre cellule vengono semplicemente uccise”. Non spaventatevi però, “le cellule, i sistemi e gli organi che collassano durante il digiuno si ricostruiranno tramite l’attivazione delle cellule staminali o progenitrici che inducono la rigenerazione una volta che la persona ricomincia ad alimentarsi normalmente”.

Ecco quindi a cosa serve la dieta Mima-Digiuno: a fare piazza pulita di cellule “difettose” che non ci servono più e a ricrearne di nuove sane e piene di energia. La Dieta Mima-Digiuno ha come obiettivo principale la rigenerazione cellulare!

Ciò che secondo me è importantissimo sottolineare è che, come dice il Prof. Valter Longo nel capoverso che vi ho riportato sopra: la rigenerazione cellulare avviene quando si ricomincia a mangiare “normalmente”, ma “normalmente” non significa mangiare quel cavolo che volete, bensì seguire un’alimentazione sana ricca di verdure, frutta, cereali integrali, legumi, frutta a guscio, semi e proteine animali di qualità (a titolo puramente informativo, il Prof. Longo non è un gran sostenitore delle proteine animali in realtà se non quelle del pesce). Non potete mica ricostruire le vostre adorate celluline con pane e mortazza o con latte e biscotti!

 

In cosa consiste la Dieta Mima-Digiuno

Riporto qui brevemente la Dieta Mima-Digiuno semplificata riportata nel libro “La dieta della Longevità” del Prof. Longo.
La dieta dura 5 giorni.

Giorno 1: 1.100 calorie

  • 500 calorie in carboidrati complessi (verdure – non specifica di togliere solanacee. Ovviamente le patate non sono ammesse)
  • 500 calorie in grassi sani (noci, mandorle, nocciole, olio di oliva)
    (si è perso per strada 100 calorie, ma va bé!)
  • 1 integratore multivitaminico/minerale
  • 1 integratore di omega 3/6
  • tè senza zucchero (fino a 3-4 tazze al giorno)
  • 25 gr di proteine di proteine contenute principalmente nella frutta a guscio
  • acqua a volontà

 

Giorno 2-5: 800 calorie

  • 400 calorie in carboidrati complessi (verdure – non specifica di togliere solanacee. Ovviamente le patate non sono ammesse)
  • 400 calorie in grassi sani (noci, mandorle, nocciole, olio di oliva)
  • 1 integratore multivitaminico/minerale
  • 1 integratore di omega 3/6
  • tè senza zucchero
  • acqua a volontà

 

Giorno 6: dieta di transizione

Bisogna adottare una dieta a base di carboidrati complessi (verdure, cereali, pasta, pane, frutta, succhi di frutta, noci, mandorle, ecc.) e minimizzare il consumo di pesce, carne, grassi saturi, dolci, formaggi, latte, ecc.

Come vedete non sono ammessi sale, spezie o altri condimenti fatta eccezione per l’olio extravergine di oliva.

 

I benefici della Dieta Mima Digiuno

Come riportato nel libro del Prof. Longo, gli effetti positivi sono:

  • rigenerazione cellulare
  • riduzione del grasso addominale
  • pelle più luminosa e “giovane”
  • meno sonnolenza e più energia, soprattutto il pomeriggio (anche se alcuni osservano l’opposto)
  • maggiore lucidità mentale
  • la capacità di evitare eccessi una volta ritornati all’alimentazione normale.

 

La mia esperienza

Perché ho deciso di fare la DMD?

Perché era da un po’ di tempo che avevo davvero perso il controllo quando mangiavo.
Sto lavorando a due progetti stupendi (che vi svelerò prossimamente!) e questo mi ha portato a non avere week end né sere libere per me per molto tempo. Troppo troppo lavoro e troppo poco tempo per me, per svagarmi e divertirmi e così spesso cercavo conforto nel cibo (eh si, sono umana anche io! In realtà sono molto più debole di quanto pensiate!). Avevo bisogno di un reset. Di riconnettermi con il mio corpo perché per troppi mesi era la mia testa a comandare. Era come se mangiassi tanto per rendermi conto che esistesse anche un corpo. Per sentirlo. Questo è il problema di noi Vata: abbiamo la testa che va a mille e se non ci radichiamo un po’ svalvoliamo e perdiamo il contatto con la realtà.
Quindi si, la voglia di ritrovare un equilibrio e un rapporto sano con il cibo è ciò che mi ha spinto a fare la DMD.

 

Cosa ho mangiato e come sono stata durante la DMD

Premessa

Voglio fare una premessa importantissima.
Io ho studiato Natural Nutrition , sono una Consulente in Nutrizione Olistica, e in questi anni, un po’ per motivi di salute, un po’ per curiosità, ho provato su di me diverse diete e penso di essere arrivata ad una consapevolezza del mio corpo non indifferente. Non mangio zuccheri da anni, non bevo caffè, non mangio alimenti preconfezionati da secoli ormai. Le mie “abboffate” erano di burro di mandorla, tahini, burro di nocciole o cacao crudo, non di biscotti o schifezze. Insomma, per quanto io possa aver esagerato nell’ultimo periodo il mio corpo è piuttosto “pulito”.
Faccio questa premessa per dirvi che ciò che ho mangiato io andava bene A ME, non è giusto in assoluto, e che le reazioni indesiderate che ho avuto io sono state piuttosto lievi e sopportabili proprio perché il mio corpo di detox ne ha già fatti a go go.

Vi prego di non prendere alla leggera questa dieta se deciderete di farla. E non dimenticate che sarebbe opportuno essere seguiti da un Medico o da un Nutrizionista.

Non fate questa dieta con questo caldo torrido in città mentre siete alle prese con gli ultimi giorni di lavoro: è uno stress non indifferente per il vostro corpo ed è indispensabile che la DMD venga fatta quando siete tranquilli, magari in vacanza e al fresco se possibile.
Io la ho fatta in montagna, tranquilla e senza stress. Lavoravo tutto il giorno ai miei super progetti, ma senza l’affanno di orari e dead-lines.

Alimentazione, Esercizio e Sensazioni

Vi darò un’idea indicativa di cosa ho mangiato, ma non le quantità perché non vorrei mai che seguiste pedissequamente quello che ho fatto io, avendo poi reazioni indesiderate. Siamo tutti diversi, non dimenticatelo mai!
Per di più, io credo proprio di non aver mai consumato le 400 KCal di verdura perché onestamente mangiate praticamente scondite e senza un briciolo di sale non è che fossero questa bontà.
Ultima cosa: ho mangiato verdure fuori stagione perché avevo bisogno di qualcosa di sostanzioso. Ho mangiato un sacco di zucca perché se no il mio cervello andava KO e mi sentivo troppo debole per lavorare.
Ah! Ho anche usato il limone due o tre volte, ma non so se fosse ammesso in realtà.

Nota: ho sempre cercato di utilizzare l’olio EVO a crudo per non alterarne le proprietà, tranne in due occasioni.

Giorno 1
Esercizio
Corsa in montagna + esercizi (avevo ancora le energie di quello che avevo mangiato il giorno prima)

Dieta

Colazione: ho bevuto solo un tè kukicha con limone (ero ancora piena dalle mangiate dei giorni precedenti)
Pranzo: cavolo viola saltato in padella con olio EVO + zucchini bolliti + olio EVO a crudo
Spuntino 1: latte di mandorla fatto da me
Spuntino 2: latte di mandorla fatto da me + 1 cucchiaino di erba di grano (mi si è fiondata sullo stomaco e non la ho più usata)
Cena: vellutata di zucchini (zucchini bolliti frullati) + cavolo rosso saltato in padella con olio evo + 1 fetta di zucca

Sensazioni
Il primo giorno è stato un delirio. Dovevo adattarmi. Avevo fame, mal di testa, ero spossata e non riuscivo a concentrarmi

 

Giorno 2

Esercizio
Camminata in salita nel bosco + addominali (pochi)

Alimentazione
Colazione: kukicha con limone + zucca bollita con noci pecan
Pranzo: cavolo cappuccio + carote + barbaietole crude con limone e olio EVO a crudo
Spuntino: 3 pezzettini di zucca bollita
Cena: ratatuille di verdura con pomodoro, zucchini, fagiolini, cipolla e pochissima melanzana + olio EVO a crudo (avevo bisogno di qualcosa di saporito!)

Sensazioni
Meglio! Più concentrazione soprattutto la mattina. Stanchezza e spossatezza al pomeriggio. Un po’ di mal di testa la notte. Leggero male ai reni. Fame poca. Meno energia durante la passeggiata.

 

Giorno 3

Esercizio
Camminata in salita nel bosco + addominali (pochi)

Alimentazione
Colazione: latte di mandorla caldo + zucca bollita con noci pecan
Pranzo: carote e barbabietola crude con olio EVO a crudo e limone + ratatuille di verdura con pomodoro, zucchini, fagiolini, cipolla e pochissima melanzana + olio EVO a crudo
Cena: minerstra di cavolo, cipolla, carota e aglio + zucca bollita

Sensazioni
Ho trovato il mio equilibrio. Ancora un pochino di mal di testa durante la notte. Leggero male ai reni. Stanchezza la sera verso le 19.00. Fame poca. Poca energia la mattina durante la camminata.

 

Giorno 4

Esercizio
Camminata in salita nel bosco + addominali (pochi)

Alimentazione
Colazione: latte di mandorla caldo + zucca bollita con noci pecan
Pranzo: broccoli bolliti con olio EVO a crudo + noci pecan + zucca bollita
Cena: ratatuille di verdura con pomodoro, zucchini, fagiolini, cipolla e pochissima melanzana + olio EVO a crudo

Sensazioni
Sonno perfetto. Niente male ai reni. Stanchezza la sera verso le 19.00. Fame poca. Poca energia la mattina durante la camminata.

 

Giorno 5

Esercizio
Camminata in salita nel bosco + addominali (pochi)

Alimentazione
Colazione: latte di mandorla caldo + zucca bollita con noci pecan
Pranzo: broccoli bolliti con olio EVO a crudo + cavolo rosso saltato in padella con olio Evo + noci pecan + zucca bollita
Cena: cavolfiore bollito con limone e olio EVO a crudo + zucca bollita

Sensazioni
Sonno perfetto. Niente male ai reni. Stanchezza la sera verso le 19.00. Fame poca. Poca energia la mattina durante la camminata.

 

Una nota sugli Integratori

Gli integratori sono una parte assolutamente non trascurabile della dieta! Che non vi venga in mente di ometterli, mi raccomando!

Durante i 5 giorni ho integrato con:

  • L-carnitina (codice sconto emanuelacaorsiFSG) per avere più energia – la prendevo a stomaco vuoto prima della mia camminata
  • Io ho continuato a prendere alcuni rimedi omeopatci che mi aveva prescritto il mio medico, insieme a dei probiotici. Non so se l’utilizzo degli omeopatici abbia inficiato la DMD, ma non volevo sospenderli.

 

Una nota sull’esercizio fisico

Si può fare esercizio fisico? La risposta è “Meglio di no!” Assolutamente bandita l’attività fisica intensa. Il corpo è in modalità detox e deve convogliare tutte le sue energie in quello: fare attività fisica intensa comprometterebbe il lavoro immane che sta facendo il corpo. Per di più, onestamente, un allenamento intenso è davvero impensabile: considerate che non avete energia (zuccheri) per fare attività, né tantomeno proteine per la ricostruzione dei muscoli dopo l’attività fisica.
Un camminata o una nuotata soft sono l’unica cosa che il corpo tollera. Anche una lezione di yoga intenso è sconsigliata!

 

Feedback

Il feedback è assolutamente positivo! Anche se è bella tosta, ho proprio sentito che, giorno dopo giorno, mi riconnettevo con il mio corpo. Ero più calma e più serena.
La mia pelle mi sembra essere più luminosa e mi sento decisamente più asciutta. Non so se ho perso peso perché non ho la bilancia e perché, onestamente, non era il mio obiettivo.
Sono curiosa di vedere come andrà nei prossimi giorni, ma sento proprio che c’è stato il cambiamento di cui avevo bisogno.

L’unica difficoltà è mangiare le verdure praticamente scondite, il che le rende spesso poco gustose e appaganti, ma è giusto così! Era importante per me fare un reset sotto tutti i punti di vista, anche per le papille gustative!
La frutta che ho mangiato oggi era meravigliosamente dolce e mi è bastato aggiungere poco sale (1/10 di quello che usavo prima!) per godermi il mio riso integrale a pranzo.

 

E voi, avete mai fatto la DMD? Se si, come vi siete trovati? Siete stati seguiti da un Medico / Nutrizionista o avete fatto una versione “fai-da-te”?
Se avete domande, lasciate un commento e risponderò con piacere!

Un forte abbraccio,

Emanuela 

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER!

Se vuoi ricevere le mie ricette, i miei articoli per imparare a volerti bene ogni giorno di più, le date dei prossimi corsi, anteprime imperdibili e altri contenuti esclusivi, inserisci la tua mail nel form sottostante.

You have Successfully Subscribed!