INSALATA DI FOGLIE DI RAVANELLI, FICHI E NOCCIOLE / GF + VEG | Emanuela Caorsi | Consulente in Nutrizione Olistica

ravanelli-insalata
Come forse avrete visto su instagram o su FB, sono stata recentemente a Copenhagen con la mia dolce metà. Che dire? La città è meravigliosa, piena di ragazzi, si respira un’aria rilassata, tutti girano in bici, ci sono pochissime macchine e la città è così piccolina che si può girare a piedi: in quattro giorni non abbiamo mai preso un mezzo di trasporto, se non i nostri piedi! Facevamo venti chilometri al giorno. Dei matti! Ma è talmente bella che non ci è pesato affatto. Ci siamo sentiti a casa e soprattutto ci siamo sentiti liberi, ci siamo sentiti noi stessi. Qui in Italia facciamo fatica ad essere sorridenti e siamo meno spensierati e non ho ancora ben capito il motivo.

Una delle cose che mi ha fatto sentire come non mi sentivo da mesi è stata la possibilità di poter mangiare fuori senza problemi. Sembrerà una scemata, ma qui in Italia mangiare senza glutine e senza prodotti di origine animale sembra una cosa da U.F.O.. Che poi, quando vado a cena fuori, mi farei andare bene anche qualcosa di vegetariano, ma quello che è vegetariano ha la farina -rigorosamente bianca eh, perché quella integrale è anch’essa una cosa da U.F.O.- e quello che non ha la farina sono carne o pesce. I legumi…Cosa? Scusa? Legumi? Maccheccavolo sono? Questa sarebbe la risposta nel 99,9% dei ristoranti italiani. Insomma, per me, e per tutte le persone che per sfiga -vedi celiachia- o per scelta -wholefood plant based- vogliono seguire un’alimentazione diciamo “diversa” per non dire “più sana” -come in realtà dovremmo dire!- in Italia l’offerta è praticamente nulla. Ma si può?

Questo per dire che a Copenhagen, la prima sera, quando mi sono seduta in un ristorantino carinissimo per mangiare un piatto di verdure al curry con riso integrale -dove Giacomo ha mangiato l’agnello con spinaci e riso basmati. Quindi non un ristorante vegano, ma semplicemente un ristorante in cui sanno cosa significhino “vegan” e “gluten free”!- mi sentivo felice come una bambina a cui è stato regalato un gioco nuovo. E quello è stato solo l’inizio: non ho mai, e dico mai, avuto problemi a farmi capire, soprattutto quando chiedevo qualcosa di “gluten free” -che è per me la cosa più importante- e non sentirmi rispondere come mi era successo all’EXPO: “mmmm…senza glutine…c’è il latte quindi si, il glutine c’è” è stato un vero sollievo!

Ecco, ho finito di lamentarmi. Lo giuro.

EmanuelaCaorsi-ravanelli


EmanuelaCaorsi-ravanelli2
Ma veniamo a cose più interessanti: avete mai pensato che i ciuffi dei ravanelli fossero perfetti per un’insalata? Io ammetto di no, fino a poco tempo fa. Poi, visto che la mia filosofia è “se è verde, fa bene”, e dato che di buttare via tutto quel ben di Dio proprio non se ne parla, ecco che i ciuffi che ravanelli sono finiti dritti dritti in questa insalata decisamente insolita, ma buonissima.
Come il ravanello, anche le foglie sono leggermente piccantine e si sposano perfettamente con la dolcezza dei fichi e il gusto intenso delle nocciole tostate. Fate un boccone con tutto e mi darete ragione. Questa è solo un’idea, ma le foglie possono essere aggiunte anche ad una normale insalata o saltate in padella con uno spicchio d’aglio da mangiare così o da aggiungere a delle frittatine come queste.

EmanuelaCaorsi-ravanelli-insalata

I ravanelli: ottimi per il cuore e non solo

I ravanelli stimolano l’appetito, alleviano le infezioni respiratorie, disintossicano e purificano la cistifellea e il fegato, alleviano i sintomi del raffreddore e della febbre e sono dei diuretici naturali. Nella medicina cinese, i ravanelli vengono utilizzati per aiutare la digestione, diminuire il catarro e il muco, dare sollievo al mal di testa e curare le laringiti.
I ravanelli contengono salicilati -lo stesso composto utilizzato per fare l’aspirina- che aiutano ad evitare la formazione di trombi -che portano ad infarti od ictus-. Inoltre, i ravanelli contengono composti fotochimici chiamati antocianine che agiscono come antiossidanti; proteggono gli occhi dai radicali liberi riducendo così il rischio di maculopatia; migliorano la circolazione e proteggono dai problemi al cuore inibendo la produzione dei trombi e aiutano il corpo a disfarsi di possibili sostanze cancerogene.
I ravanelli contengono anche minerali come calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, sodio, zinco, rame e manganese e vitamine A, C, E (gli antiossidanti per eccellenza!) e B1, B2, B3, B6 e acido folico (necessari per un’ottima salute mentale e per combattere stanchezza e depressione).
Non male per un “banale” ravanello, no?!
Se quello che vi allontana dai ravanelli è il gusto un po’ pungente, pelateli! Gli oli che danno ai ravanelli il loro sapore piccantino, sono contenuti proprio nella pelle esterna.
Per questa ricetta ho usato i classici ravanelli rossi, ma esistono anche bianchi -come potete vedere nella foto- e neri. Il daikon fa parte della famiglia dei ravanelli così come il rafano -il famoso wasabi che danno spesso con il sushi.

 

INSALATA CON FOGLIE DI RAVANELLO, FICHI E NOCCIOLE / GF + VEG

Ingredienti.
Un mazzo di ravanelli con i ciuffi
4/6 fichi
una manciata di nocciole tostate

Per il condimento:
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva spremuto a freddo
1 cucchiaio di aceto di mele non pastorizzato
1 cucchiaio di miele di acacia (o malto di riso o sciroppo d’acero per una versione vegan)
2 cucchiai di acqua
1/4 di cucchiaino di sale rosa o sale marino

Procedimento.
Separate i ciuffi dalla radice di ravanello. Con le mani staccate le foglie scartando gli steli. Lavatele, asciugatele e mettetele in una ciotola capiente.
Lavate i ravanelli sotto l’acqua corrente per eliminare la terra -se avete uno spazzolino da denti che non usate più usatelo per toglierla ancora meglio-. Tagliateli a fettine sottili e aggiungeteli alla ciotola.
Lavate i fichi -tenete la buccia mi raccomando!-, tagliateli in quattro e aggiungeteli all’insalata, tenendone da parte due uno o due per la decorazione.
Schiacciate le nocciole grossolanamente in un mortaio o sul tagliere aiutandovi con un bicchiere -non frullatele mi raccomando!- e aggiungetele all’insalata, tenendone da parte alcune per la decorazione.
Preparate il condimento mischiando tutti gli ingredienti in una ciotola e versatelo sopra l’insalata, mischiate e lasciate marinare fuori dal frigo per una decina di minuti -in questo modo le foglie di ravanello di ammorbidiranno assorbendo il condimento.
Dividete l’insalata in due ciotoline (o una ciotola grande se la mangiate da soli come ho fatto io!) e aggiungete i fichi e le nocciole che avete tenuto da parte e servite subito.
Per le nocciole: tostatele voi se possibile! Basta mettere le nocciole crude in forno statico a 170°C per 25-30 minuti rigirandole di tanto in tanto. Saranno pronte quando avranno assunto un colore marocchino chiaro-ambrato. Strofinandole tra le mani, la buccia andrà via facilmente.

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER!

 

Scarica la guida gratuita
“Primi Passi Verso una Alimentazione Olistica”

Inoltre riceverai la mia newsletter con le ultime ricette e i miei articoli per imparare a volerti bene ogni giorno di più.
 Inserisci la tua e-mail nel form sottostante e scarica il tuo regalo!

You have Successfully Subscribed!