EmanuelaCaorsi-pane-magico

Una delle cose che mi manca di più dei Sydney sono senza dubbio i brunch del week-end, soprattutto in inverno. Poi sarà che i Café (bar) Australiani (sia di Sydney che di Melbourne) sono bellissimi, con uno stile super curato vintage-modern-chic che a me piace un sacco e con un’atmosfera sempre accogliente e rilassata che non ti fa più voglia di andartene via. Di Café e brunch ne abbiamo provati eccome, da quello che aveva tutti i libri da cucina da poter consultare liberamente, a quello con un giardino meraviglioso con al centro un albero secolare con la luce del sole che filtrava tra le foglie, a quello che faceva solo cose (raw vegan) che la mia dolce metà odiava con tutte le sue forze perché le cameriere erano selezionate rigorosamente in base all’antipatia, a quello sulla terrazza che si affacciava sull’oceano e a quello in cui ho assaggiato per la prima volta questo pane. O quantomeno uno molto simile. Una vera rivelazione!

La maggior parte dei bar a Sydney hanno anche il pane senza glutine, ma spesso è quello del supermercato, invece qui era un pane fatto da loro, incredibilmente buono e soprattutto completamente diverso da ogni pane assaggiato prima. E così non ci ho pensato due volte e dopo aver spazzolato lo scrambled tofu (tofu strapazzato) con almeno 20 spicchi d’aglio (non vi dico la fiatazza!) ho preso e sono andata in cucina perché io dovevo capire come si facesse quel pane delizioso.
E così, sarà che li ho stesi e tramortiti per via dell’aglio o non lo so, ma a grandi linee mi hanno dato le dritte necessarie per far si che arrivassi a casa e mi mettessi all’opera.

La cosa fantastica di questo pane è che non è fatto con la farina. 

Cosa?!?! Penserete. E che cavolo c’è allora? Cereali, semi e un pizzico di bicarbonato. That’s it. Niente impastatrici, lievitazioni e tutto quello che può scoraggiare una come me che il pane proprio non lo sa fare. Semplicissimo e geniale allo stesso tempo. Fatto solo con ingredienti naturali e last but not least, senza glutine! Curiosi vero?

EmanuelaCaorsi-pane-magico

L’unica cosa impegnativa da fare è mettere quinoa, grano saraceno e miglio a bagno in una ciotola, semi di girasole e di zucca in un’altra e in un bicchiere i semi di chia con l’acqua che faranno da “collante”. Si può fare, no? Il giorno seguente si devono sciacquare cereali e semi (tranne quelli di chia), farli scolare un pochino e poi metterli nel frullatore, aggiungere il bicarbonato e infornare tutto. E dopo mezz’ora ecco che avrete un pane fantastico e fragrante, buonissimo anche da solo. Dovete provarlo, assolutamente!

Il valore aggiunto di questo pane è che contenendo quinoa, semi di girasole e zucca ha una consistente dose di proteine il che lo rende un alimento completo con anche la sua buona dose di fibre.

EmanuelaCaorsi-pane-magico-2

 

IL PANE MAGICO / GF + VEG

Ingredienti.
140 gr di quinoa mista (bianca, rossa, nera)
90 gr di miglio
80 gr di grano saraceno
40 gr di semi di zucca
40 gr di semi di girasole
20 gr di semi di chia + 90 ml di acqua filtrata
1 cucchiaino raso da cucina di sale rosa dell’Himalaya
2 cucchiaini rasi di bicarbonato di sodio
olio di cocco per ungere la teglia

Procedimento.
La sera prima mettete in ammollo quinoa, miglio e grano saraceno in una ciotola capiente con circa 750 ml di acqua, in un’altra ciotola semi di girasole e semi di zucca con circa 300 ml di acqua. In un bicchiere mettete i semi di chia e i 90 ml di acqua (precisi!) e mescolate bene per almeno 30 secondi di modo che non si formino grumi. Lasciate riposare tutto fuori dal frigo.
Il giorno seguente, preriscaldate il forno (statico) a 180°C.
Sciacquate bene quinoa, miglio e grano saraceno, fateli scolare e versateli nel robot da cucina. Frullate per 30 secondi. Aggiungete i semi di chia che avranno formato un gel e frullate per 10 secondi. Quindi aggiungete sale e bicarbonato e frullate per altri 10 secondi.
Sciacquate e scolate bene i semi di zucca e girasole e aggiungeteli all’impasto senza più frullare.
Ungete leggermente la teglia da plumcake con olio di cocco e versatevi l’impasto.
Infornate in forno già caldo per 30-35 minuti o finché non si sarà formata una bella crosta e sentirete che il pane è sodo.

Note.
– Potete sostituire la quinoa mista solo con quinoa bianca.
– Se non avete i semi di chia potete sostituirli con semi di lino interi (se siete di fretta) o tritati (di modo da far si che le sostanze nutritive contenute nei semi, in primis gli omega-3) possano essere assorbiti durante la digestione). La dose d’acqua rimane invariata.
– Potete sostituire l’olio di cocco con un olio di oliva o potete utilizzare la carta da forno.

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER!

Se vuoi ricevere le mie ricette, i miei articoli per imparare a volerti bene ogni giorno di più, le date dei prossimi corsi, anteprime imperdibili e altri contenuti esclusivi, inserisci la tua mail nel form sottostante.

You have Successfully Subscribed!