quinoa-verdure

Datemi un mercato e un banco con verdura e frutta meravigliosi come quello che ho trovato oggi e io sono la donna più felice al mondo.
A guardare tutte quelle prelibatezze che ci regala la terra mi brillano gli occhi e tra un brillio e l’altro…compro sempre il triplo delle cose di cui ho bisogno. Che poi non sarebbe un gran problema se io, come tutte le persone normali, andassi a fare la spesa in macchina, ma visto che stamattina ho avuto la brillante idea di andare in vespa “tanto compro giusto due cosine”, bé allora in quel caso il problema si pone eccome, soprattutto se non si ha il bauletto e il sotto-sella è pieno! Diciamo che durante il tragitto tra il mercato e casa ho scomodato parecchi angeli custodi, ma alla fine sono arrivata sana e salva, e con una quintalata di verdura.

E’ un po’ di tempo che voglio pubblicare una ricetta base e semplice per la quinoa -leggete qui per qualche informazione in più-, perché sono certa che parecchie persone -come era successo a me qualche anno fa quando la comprai per la prima volta- la hanno li, in un angolino della dispensa e non sanno neanche da che parte cominciare per utilizzarla.

L’idea era quella di preparare un’insalata di quinoa con le lenticchie e le mie adorate rape rosse, ma poi, una volta arrivata al mercato, ho stravolto completamente i piani: quando ho visto di fronte a me le zucchine trombetta, i pisellini freschi, le fave e dei limoni stupendi ho subito capito che sarebbero stati tutti questi ingredienti i protagonisti della ricetta di oggi, oltre alla quinoa ovviamente.
Questa può essere aggiunta alle verdure per una versione calda, oppure può essere mangiata fredda come accompagnamento alle verdure, ottime sia calde che fredde. Insomma, è buona in tutti i modi!

EmanuelaCaorsi-quinoa-zucchine

Questa versione vuole solo essere uno spunto per come preparare la quinoa: il messaggio che vorrei passasse da questo post è che questo seme -impropriamente annoverato tra i cereali- è così versatile che è un perfetto accompagnamento per qualsiasi verdura, cotta o cruda, quindi non vi resta che dare libero sfogo alla vostra fantasia. Prendete questa ricetta solo come una “linea guida” e poi…inventate!

Per questa ricetta, oltre ai pisellini, ho usato anche i baccelli privati della parte interna più fibrosa. I baccelli sono davvero buonissimi, ma vi confesso che sono diventata matta per pulirli tutti. Ci ho impiegato quasi un’ora, ma era una questione di principio. Dovevo farcela! Erano così freschi che sarebbe stato un peccato non mangiare quella bontà, ma se non sono super freschi e se siete di fretta, ecco, onde evitare una crisi di nervi, non cimentatevi in questo lavoro di cesello. Fidatevi.

EmanuelaCaorsi-quinoa-piselli

 

EmanuelaCaorsi-quinoa-verdure1

Qualche consiglio su come preparare la quinoa
Tornando alla nostra quinoa, partiamo dal presupposto che cucinarla è facilissimo.
Di solito, dopo averla sciacquata -o quando programmo di farla, dopo averla lasciata in ammollo 12 ore- io la faccio cuocere in pentolino mettendo una tazza di quinoa (circa 160 gr) con due tazze di acqua, copro con il coperchio, faccio prendere il bollore, abbasso il fuoco al minimo e lascio cuocere fino a che l’acqua non è completamente assorbita -circa 20 minuti. Potete controllare se l’acqua è assorbita usando un cucchiaio-. Una volta cotta, spengo il fuoco e, se è ora di pranzo o cena, la condisco, altrimenti la lascio nel pentolino sempre coperta con il coperchio. Tutto qui?! Eh si. Ve lo avevo detto che era semplice!
Passiamo allo step successivo e qui ci sono due possibilità: mangiarla fredda come se fosse un’insalata di quinoa o saltarla in padella per mangiarla calda. 
Per l’opzione “fredda”, avete presente l’insalata di riso? Ecco! Fate finta che la quinoa sia un riso rimpicciolito e tondo e siete a cavallo: conditela con olio extra vergine di oliva, sale, pepe, limone, aceto di mele, senape in grani o quello che più vi piace e quella sarà la vostra base cui aggiungere verdure sia crude che saltate in padella e fatte raffreddare (presto arriveranno altre ricette, promesso!).
Per la versione calda, potete preparare delle verdure come quelle della ricetta di oggi e poi aggiungere la quinoa, facendola saltare in padella come quando fate saltare la pasta. Visto che siamo in primavera, provatela ad esempio con asparagi, pinoli e olive o, andando verso l’estate, con un misto di zucchini, peperoni e melanzane.
Una delle cose che trovo fantastiche della quinoa è che, una volta cotta, può essere conservata in frigo in un contenitore ermetico per una settimana. Certo, è meglio cucinarla e mangiarla subito, ma visto che spesso si è di corsa e si finisce di lavorare ad orari improbabili, sapere che in frigo c’è qualcosa di buono, sano e già pronto non è da sottovalutare. 
Spero che questo post possa esservi di aiuto e che vi permetta di far entrare la quinoa nella vostra routine alimentare. 

EmanuelaCaorsi-quinoa-verdure2

 

Quinoa di primavera
Print
Per la quinoa
  1. 2 tazze di quinoa (circa 320 gr)
  2. 4 tazze di acqua
  3. 2 tsp (2 cucchiai) di olio EVO spremuto a freddo
  4. 1 tsp (2 cucchiaini rasi) di sale rosa dell’Himalaya
  5. succo di mezzo limone bio
  6. scorza di mezzo limone
Per le verdure
  1. 70 gr di fave ( = 300gr di fave intere)
  2. 300gr di piselli con baccello ( = 100 gr di pisellini)
  3. 350 gr di zucchine trombetta
  4. 2 cipolle fresche (circa 100 gr)
  5. 2 tbs (2 cucchiai) di olio EVO spremuto a freddo
  6. 1 tsp (2 cucchiaini rasi) di sale rosa dell’Himalaya
  7. 4 rametti di maggiorana fresca
  8. scorza di mezzo limone
Instructions
  1. Sciacquate la quinoa sotto acqua corrente e mettetela in un pentolino con l’acqua, coprite, fate prendere il bollore, quindi abbassate la fiamma e fate cuocere finché l’acqua non sarà assorbita -circa 20 minuti-.
  2. Nel frattempo sbucciate le fave, i piselli, privando i baccelli della parte fibrosa interna di modo da poter usare anche quelli. Lavate e scolate fave, piselli e baccelli. Tagliate a fette le zucchine trombetta e a affettate sottilmente anche le cipolle.
  3. In una padella antiaderente mettete 1 cucchiaio di olio e aggiungete subito tutte le verdure e salate. Fate cuocere a fiamma viva, continuando a mescolare per 8-10 minuti, quindi spegnete, aggiungete la maggiorana in foglie intere e la scorza del limone. Aggiungete a crudo il restante cucchiaio di olio. Tenete in caldo.
  4. Condite la quinoa con olio, sale, succo di limone e la scorza del limone (o tagliata a pezzettini o grattugiata).
  5. Mettete la quinoa nei piatti e aggiungetevi sopra le verdure. Se volete potete completare con un filo d’olio evo a crudo.
Notes
  1. Le dosi sopra indicate sono per 4 persone.
La Rapa Cruda http://www.emanuelacaorsi.com/

 

 Con questa ricetta partecipo alla raccolta l’Orto del Bimbo Intollerante di Leti e Manu.
raccolta