EmanuelaCaorsi-spaghetti-zucchini-primavera

Ma voi lo avete lo spiralizzatore?
Come no?! Orrore e sacrilegio! Compratelo subito!!!
Appena avete letto la parola “spiralizzatore” vi sarete sicuramente chiesti che cavolo sia. Bé è semplicemente un aggeggio infernale che spiralizza le verdure come zucchini, cetriolo, carote, rape per farne…degli spaghetti!
Ora lo so che potrà sembrarvi una cavolata megagalattica, ma vi assicuro che è fortissimo!
Era stato il mio secondo acquisto irrinunciabile -il primo era stato il mio adrato Vitamix- quando avevo iniziato a mangiare solo crudo. Non che io poi sentissi la mancanza della pasta visto che in Australia in due anni penso di averla mangiata non più di tre volte, ma semplicemente perché…non potevo non averlo! Figurati, una patita di cucina come me, se trova un attrezzo che ancora non ha sente una sensazione di vuoto dentro che può essere colmata solo dallo spacchettamento dell’attezzo appena comprato, sempre rigorosamente accompagnato da una vocina “E ora questo dove ce lo mettiamo?”. Che poi noi sentiamo solo in modo moooolto fievole questa vocina perché in realtà non ce ne può fregare di meno e siamo consapevoli anche noi che lo spazio non ci sia, ma come delle mage di tetris, taaaac ecco che ti abbiamo incastrato il nuovo “attrezzo dei sogni” tra gli altri 8320 che già possediamo. Questa è arte ragazze. Questa è arte!

Tutto questo per dire che ho usato proprio questo marchingegno per realizzare la ricetta di oggi, ma non preoccupatevi, non è assolutamente indispensabile: un pelapatate o una mandolina lo sostituiranno egregiamente.
(Consiglio: se decidete di comprare lo spiralizzatore, mi raccomando non fate leggere queste ultime righe ai vostri mariti/compagni/fiadanzati/papà se no rischiate che inizino con la solita ramanzina del “ma ne avevi proprio bisogno?” che è sempre meglio evitare perché poi ci impappiniamo sempre per trovare argomenti a nostra discolpa farfugliando semplicemente qualcosa del tipo “Eh si eh, questo fa una cosa che nessun altro attrezzo potrebbe mai fare!”. Siate comunque sempre vaghe e magari dite qualche nome “tecnico”, tipo “spiralizzare”, e loro saranno spalle al muro e non potranno più ribattere. Fregati! 2 a 0 per noi! Yhea!)

La ricetta è per la raccolta dell’ “L’Orto del bimbo intollerante” di Leti e Manu, un’iniziativa bellissima volta a creare ricette con verdure di stagione che invoglino i bimbi a mangiarle. Gli ingredienti di Aprile sono fave, limoni e asparagi e in questa ricetta ci sono tutti e tre! Con il freddo che ha fatto, trovare gli asparagi bio è stata un’impresa, ma alla fine ce l’ho fatta! Già che ero molto border line in quanto a prodotti di stagione, ho deciso di passare questo limite comprando degli zucchini sempre bio, ma che sarnno stati sicuramente ancora di serra. In questo modo però la ricetta è perfetta anche per i prossimi mesi. Smart girl!
In questa ricetta tutte le verdure sono rigorosamente crude. Non avete mai assaggiato zucchini e asparagi crudi?! E’ arrivato il momento di provare!

EmanuelaCaorsi-spaghetti-zucchini-primavera

 

Perché la vitamina C “fa passare il raffreddore”?

 

Ultimamente il tempo è proprio ballerino, come dice la mia mamma: ora fa freddo e domani fa caldo, al sole si muore, ma appena va giù viene subito un’arietta frescolina. Insomma, si sa che i “cambi di stagione” sono un po’ una fregatura, ma se ci mettiamo un po’ d’impegno possiamo essere noi a fregarli!

Quante volte vi è capitato di dire o di sentir dire: “Sono raffreddato, mi faccio una spremuta”? Tante vero? Ormai tutti associamo raffreddore, febbre e malanni di stagione alla famosa vitamina C. Ma siete davvero sicuri che basti una spremuta per farvi passare un accipicchia?
Per far si che ci passi il raffreddore dovremmo farci una spremuta mega con un camion di arance il che mi sembra un tantino difficile. Con questo però non sto dicendo che non abbia senso farla, o che sia inutile consumare frutta e verdura che contengano la fatidica vitamina C quando siamo raffreddati, ma che è diverso il modo in cui dobbiamo vedere la vitamina C: questa non fa passare il raffreddore, ma poiché la vitamina C stimola il sistema immunitario*, assumendola facciamo si che questa produca una risposta immunitaria positiva che aiuti il nostro corpo a combattere virus e batteri. Per semplificare al massimo, la vitamina C “risveglia” gli anticorpi. 
Ecco perché è così importante assumerla in abbondanti quantità tramite il cibo non solo quando siamo già ammalati, ma anche prima per prevenire qui fastidiosi raffreddamenti che ci mettono sempre ko.
Ma dove si trova la vitamina C?
Come già sicuramente sapete si trova nei limoni, nelle arance, nei limes, nei pompelmi, nella papaya e nelle fragole, ma anche nei peperoni verdi, nei broccoli, nei cavolini di Bruxelles, negli asparagi, nelle verdure a foglia verde come spinaci, bietole e cavolo nero, nel prezzemolo, nel cavolo e nei pomodori. Una bella lista non vi pare?
Per far si che la vitamina C venga assorbita a dovere e che venga protetta dall’ossidazione a contatto con l’aria (di li la frase “bevi velocemente la spremuta se no le vitamine evaporano” in realtà non evaporano affatto, ma si ossidano e quindi è come se non ci fossero) serve però un’altra vitamina, la vitamina P (bioflavonoidi). Ma non preoccupatevi, la natura è tanto intelligente da averla già messa alimenti che contengono vitamina C. Unica cosa da tenere presente è che la vitamina P è contenuta nella polpa dei frutti quindi anziché fare tante spremute prediligete il frutto intero. In questo modo assorbirete più vitamina C e il vostro sistema immunitario sarà ancora più forte!
Non dimenticate che la vitamina C è solubile in acqua pertanto la vitamina C viene persa nell’acqua durante la cottura, quindi le opzioni sono tre: o mangiate tutte le verdure che ho citato sopra crude, cosa che personalmente faccio sempre -opzione che vi consiglio-, o bevete l’acqua di cottura (o fate semplicemente delle zuppe o minestre) oppure cuocete a vapore.

Per completezza aggiungo solo che la funzione principale che la vitamina C svolge nel nostro corpo non è quella di aiutarci a combattere i raffreddori, bensì quella di formare e mantenere il collagene, la base del sistema connettivo, che si trova nella pelle, nei legamenti, nella cartilagine, nelle vertebre, nelle giunture, nelle pareti dei capillari, nelle ossa e nei denti. Eh si, avete capito proprio bene, Il collagene, e quindi la vitamina C, da supporto e forma al nostro corpo.
La vitamina C svolge anche l’importante funzione di antiossidante, indispensabile per combattere la formazione di radicali liberi che possono formarsi nel nostro corpo.
Ecco perché è importante consumare sempre tanta frutta e verdura di stagione e se possibile di origine biologica (così il potere antiossidante della vitamina C non deve essere usato già per combattere i pesticidi contenuti in frutta e verdura, ma può “dedicarsi” a proteggere le nostre cellule).

*sembra che la vitamina C attivi dei particolari globuli bianchi, neutrofili, che sono quelli a combattere in prima linea contro batteri e virus. Inoltre pare che la vitamina C aumenti la produzione di linfociti, anch’essi globuli bianchi, che sono fondamentali nella produzione di anticorpi e coordinano le funzioni immunitarie del nostro corpo.

 

SPAGHETTI DI ZUCCHINI CON CREMA DI AVOCADO / GF + VEG + RAW

Ingredienti.
2 zucchini grossi o 4 piccoli
1/2 tsp ( =1 cucchiaino) di olio evo spremuto a freddo
1/2 tsp ( =1 cucchiaino raso) di sale rosa dell’Himalaya
2 cucchiai di succo di limone fresco
6 fave (facoltative)
8 asparagi (facoltativi)
scorza grattugiata di un limone
maggiorana fresca (facoltativo)

Per la crema di avocado:
1 avocado maturo bio
1 tbs ( = 1 cucchiaio) di succo di limone fresco
1/4 tsp ( =1/2 cucchino raso) di sale rosa dell’Himalaya
1/2 tsp ( =1 cucchiaino) di olio evo spremuto a freddo

Procedimento.
Spiralizzate o affettate con una mandolina gli zucchini. Se li avete spiralizzati, spezzateli con le mani per renderli più corti. Conditeli con olio, sale e limone (dal secondo al quarto ingrediente). Lasciateli marinare fuori dal frigo mentre preparate gli altri ingredienti.
Affettate gli asparagi in modo da ottenere rondelline sottili (potete scegliere se tagliare la punta a striscette, lasciarli interi o tagliarla a rondelline), sbucciate le fave e teneteli da parte.
In un frullino mettete tutti gli ingredienti per la crema di avocado e frullate fino ad ottenere una crema liscia e omogenea.
Condite la “pasta” di zucchini con la crema di avocado, aggiungete la scorza del limone, le foglioline di maggiorana (a seconda del vostro gusto), asparagi e fave e mescolate il tutto.
Servite subito.

Note.
– Anche il giorno seguente è buonissima, ma è sempre meglio prepararla e mangiarla nel giro di poche ore perché una volta conditi, gli zucchini rilasciano acqua.

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER!

Se vuoi ricevere le mie ricette, i miei articoli per imparare a volerti bene ogni giorno di più, le date dei prossimi corsi, anteprime imperdibili e altri contenuti esclusivi, inserisci la tua mail nel form sottostante.

You have Successfully Subscribed!