TOSSINE E DETOX : MITO O REALTA’? | Emanuela Caorsi | Consulente in Nutrizione Olistica

 

Abbiamo davvero bisogno di disintossicarci? Da cosa, poi?

C’è davvero molta confusione a riguardo e la vera verità e che tutto sta nell’approccio che si ha.
Purtroppo, in Italia, la medicina funzionale e la medicina, chiamiamola, alternativa, sono ancora poco conosciute e si preferisce ancora (ahimè!) affidarsi a fantomatiche reviews scientifiche che dicono quasi sempre tutto e il contrario di tutto per dare delle risposte che vengono vendute come insindacabili. Grazie al Cielo ci sono anche Medici illuminati, che sono andati ben oltre alla medicina tradizionale, ma sono ancora molto pochi.

Fortunatamente, nel resto del mondo, medici del calibro di Dr.Hyman, Dr.Mercola e Dr.Axe (e moltissimi altri meno famosi) uniscono le conoscenze della medicina tradizionale a quelle delle varie medicine “alternative” (omeopatia, medicina cinese, medicina ortomolecolare, Naturopatia, ecc.) avendo un approccio olistico e non a compartimenti stagni come succede ancora spesso in Italia.

Ho fatto questo cappello introduttivo perché purtroppo so che sul web ci sono figure che millantano di sapere tutto solo perché hanno letto qualche review scientifica, ma che non hanno mai guardato più lontano del loro naso. Quindi se troverete articoli sul web in cui viene detto che il DETOX non esiste e non serve a nulla, ignoratelo perché è frutto di informazioni erronee e datate.

Torniamo a noi.

Abbiamo davvero bisogno di disintossicarci?
La risposta è si, ma capiamo meglio da cosa e come farlo.

 

Ma il fegato non è in grado di detossificare il corpo?

Molti sostengono che le tossine non esistano e che il processo di detossificazione sia un processo totalmente naturale compiuto dal nostro fegato. Per loro fare un detox è una boiata madornale.

In un certo senso hanno ragione, peccato però che non abbiano preso in considerazione che una cosa è il fegato di un uomo preistorico che mangiava solo alimenti 100% naturali, respirava aria pura e non si faceva tutte le seghe mentali che ci facciamo noi oggi, e che ,sono certa, fosse bravissimo nel detossificare le sostanze di scarto (tossine) naturalmente prodotte dal nostro corpo.

Ben diverso è il fegato di una persona che vive nel 2019: al giorno d’oggi, moltissime persone hanno dei deficit enzimatici genetici che non permettono il loro fegato di detossificare a dovere tutte le tossine. Come se non bastasse, vi ricordo che oggi sono ben poche le persone che mangiano 100% naturale e sono ancora moltissime quelle che mangiano prodotti preconfezionati, zuccheri raffinati, farine, prodotti zeppi di conservanti (sono tossine!) e verdure e prodotti animali non biologici. Per non parlare dello smog in cui siamo immersi e delle panciate di nervoso e i livelli di stress che abbiamo.

In sunto: molti di noi hanno un fegato “difettoso” e ingeriscono o respirano o producono mille mila volte più tossine di quelle dell’uomo preistorico.

La risposta alla domanda “Ma il fegato non è in grado di detossificare il corpo?“, quindi, è: potenzialmente si.

Il fegato di una persona in perfetta salute, che segue un’alimentazione impeccabile, che fa esercizio fisico regolare, che vive in un ambiente senza smog e che non sa neppure cosa sia lo stress, è perfettamente in grado di detossificare ogni tossina (per lo più quelle prodotte dal corpo).

Peccato, però, che al giorno d’oggi le persone così si contano sulla punta delle dita di una mano.

 

Che cosa sono le tossine?

Le tossine sono sostanze tossiche che possono essere di tre tipi:

  1. Tossine interne

    Tossine prodotte dalle continue reazioni cellulari che avvengono nel nostro corpo (queste tossine vengono facilmente smaltite dal nostro corpo perché sono le uniche ad essere sempre esistite)
    Tossine prodotte durante la digestione da batteri “cattivi” e organismi patogeni come parassiti e funghi (es. candida albicans): se non si digerisce a dovere ciò che si mangia, gli scarti della digestione vengono fermentati e putrefatti da organismi nel nostro intestino. Come capire se stiamo producendo tossine a livello intestinale? Se siamo stitici, se abbiamo spesso episodi di diarrea, se facciamo puzzette puzzolenti e se digeriamo male.

  2. Tossine esterne.

    Possono essere assorbite o ingerite.
    L’alimentazione è uno dei mezzi attraverso cui si assorbono più sostanze tossiche per il nostro corpo. Ne sono esempi:
    – Tutte quelle sostanze estranee all’uomo come conservanti, coloranti, addensanti e ingredienti dai nomi impronunciabili che si trovano nei prodotti raffinati e preconfezionati
    Pesticidi presenti nella verdura coltivata in modo industriale
    Ormoni e antibiotici contenuti nei prodotti di origine animale allevati a livello industriale

    A queste si aggiungono:
    Medicine
    Il cloro contenuto nell’acqua del rubinetto
    I metalli pesanti (alluminio e piombo i più frequenti)
    L’alcol (vino, birra, super alcolici, amari, grappe)
    – Il fumo
    Lo smog
    I detersivi non ecologici
    I parabeni e siliconi nei cosmetici
    La plastica 

  3. Tossine “emozionali”

    Stress e cattivi pensieri agiscono nel nostro corpo come potenti tossine che lo avvelenano. Questo concetto può risultare un po’ “esoterico” per alcuni di voi, ma è ormai stato provato che i pensieri diventano materia.

 

Sostanzialmente si è intossicati ogni qualvolta la quantità di tossine totali = tossine interne + tossine esterne + tossine “emozionali” eccede la capacità del nostro fegato di “disattivarle” rendendole innocue.

 

Che effetto hanno le tossine sul nostro corpo?

Un eccesso di tossine affatica per lo più fegato, reni e intestino.
Il fegato ha il compito di “disattivare” le tossine, reni e intestino di eliminarle.

Quando fegato e reni non riescono ad eliminare tutte le tossine che produciamo o che introduciamo nel nostro corpo, queste vengono mandate ad altri organi di eliminazione, in primis l’intestino, e poi pelle (ecco perché vengono brufoletti e acne) e polmoni (ecco perché spesso si forma del muco anche se non siamo raffreddati). Questi organi però non sono fatti per gestire molte tossine, che possono quindi accumularsi indebolendoli.

Inoltre, visto che il fegato è l’organo che svolge più attività all’interno del nostro corpo, quando è impegnato a “disattivare” le tossine non riesce a svolgere in modo appropriato tutte le altre funzioni:

  • regolare il metabolismo (se si riduce la tossicità si dimagrisce perché il metabolismo aumenta)
  • regolare i livelli di zucchero nel sangue (se si riduce la tossicità non si hanno più episodi di ipoglicemia, stanchezza a metà mattina e metà pomeriggio, voglia irrefrenabile di dolci)
  • regolare i livelli di ormoni nel sangue (disturbi come PMS, cisti o problemi all’apparato riproduttivo possono essere legati ad un fegato sovraccaricato da tossine)

 

Dove vanno le tossine che non vengono smaltite a dovere?

Le tossine che non vengono smaltite dal nostro corpo, vengono immagazzinate nel grasso.
Quando si dimagrisce, queste tossine vengono destoccate e rilasciate nel corpo e devono essere efficacemente smaltite per evitare di creare problemi.

 

Essere stitici significa essere intossicati

La stitichezza è molto di più del gonfiore o della tensione addominale: essere stitici significa avere un livello di tossicità nel corpo superiore a quello di persone che vanno regolarmente in bagno.

Questo perché, ammesso anche che il nostro fegato sia una bomba e renda innocue tutte le porcherie che gli arrivano, quando lui le spedisce all’intestino per eliminarle definitivamente, se queste restano per un tempo troppo prolungato nell’intestino vengono “ri-attivate” e riassorbite nella circolazione sanguigna e rispedite al mittente (il fegato).

Ecco perché è così importante andare in bagno tutti i giorni!

Se soffrite di stitichezza vi consiglio di leggere il mio articolo con i 12 Consigli per Combattere la Stitichezza. Vi aiuterà!

 

Come posso capire se sono intossicato/a?

Visto che la medicina tradizionale non riconosce questa possibilità, diciamo che chiunque stia male “senza apparente motivo” o chi soffre di una “malattia psicosomatica” molto probabilmente potrebbe trarre grandi benefici da un detox.

Questi sono alcuni sintomi:

  • fatica e spossatezza eccessivi
  • dolori muscolari
  • dolori alle articolazioni
  • congestioni nasali ricorrenti
  • naso che cola
  • gonfiore addominale
  • gas
  • stitichezza
  • diarrea
  • feci maleodoranti
  • alito cattivo
  • dolori allo stomaco
  • disturbi del sonno
  • voglie per certi alimenti (soprattutto zuccheri)
  • ritenzione idrica
  • difficoltà a perdere peso
  • problemi alla pelle
  • eczemi
  • psoriasi
  • acne
  • borse nere e gonfie sotto gli occhi
  • sindrome premestruale
  • problemi del ciclo

Se siamo sani il processo di disintossicazione fila liscio, ma se siamo intossicati, il processo di detossificazione rallenta e gli altri organi ne pagano le conseguenze.

 

Cosa fare per disintossicarsi?

Fare un DETOX può sicuramente aiutare.

A mio avviso, per iniziare, abbia ha fare nulla di troppo estremo, che potrebbe anche essere controproducente (si potrebbero liberare troppe tossine tutte insieme).

Seguire un’alimentazione pulita, basata su prodotti se possibile biologici e 100% naturali, evitando ogni forma di zucchero e di alimento preconfezionato è già un ottimo inizio.

Se sei curioso di vedere su te stesso/a gli effetti incredibili che ha un DETOX segui anche solo per una settimana le regole che trovi in uno dei 3 DETOX che ho lanciato l’anno scorso:

Sono tutti fattibilissimi: non viene esclusa nessuna categoria alimentare e in ciascuno trovi le regole da seguire. Sono leggermente diversi: leggili tutti e tre e scegli quello che si adatta di più a te.

Dal 14 al 20 Gennaio farò un altro DETOX insieme alle mie compagne Cristina, Claudia e Marika di Shine.

 

E il cleanse?

Se hai sentito parlare di Cleanse e vuoi capire che differenza ci sia tra Detox e Clenase ti invito a leggere questo articolo.

 

 

Bibliografia:

https://drhyman.com/blog/2015/03/07/truth-about-detoxification/

https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2018/08/05/walsh-detoxification-program.aspx

 

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER!

 

Scarica la guida gratuita
“Primi Passi Verso una Alimentazione Olistica”

Inoltre riceverai la mia newsletter con le ultime ricette e i miei articoli per imparare a volerti bene ogni giorno di più.
 Inserisci la tua e-mail nel form sottostante e scarica il tuo regalo!

You have Successfully Subscribed!