EmanuelaCaorsi-Cioccolato-crudoAvete mai provato a fare il cioccolato in casa?
Se non vi siete mai cimentati pensando fosse troppo complicato o perché credevate si debba essere muniti di un termometro, da oggi non avrete più scuse!
Sicuramente i maitre chocolatier orridiranno leggendo il mio modo di fare il cioccolato in casa, ma ragazzi, che vi devo dire, funziona! Certo, non sarà perfettamente lucido come quello delle tavolette che comprate al supermercato, ma di sicuro è più sano!
Ma perché mai uno dovrebbe mettersi a fare il cioccolato a casa?
Uno, perché è divertente;
Due, perché almeno potete utilizzare zucchero di cocco anziché lo zucchero bianco super mega raffinato. Orrore e raccapriccio!
Tre, perché se andate al supermercato biologico a comprare una tavoletta di cioccolato crudo, ci lasciate mezzo stipendio.
Penso che queste tre ragioni possano già essere abbastanza, ma ne aggiungo un’altra: perché è dannatamente più buono di quello che si compra e potete personalizzarlo con ciò che volete, dalla cannella, alla maca, al sale alle fave di cacaco o, come quello che vi propongo oggi, con mequite e sale.

Come immagino già sappiate tutto sta nel temperare il cioccolato. Per farlo però non c’è necessariamente bisogno di un tavolo di marmo -ovvio sarebbe meglio, ma immagino non tutti siano dotati di un piano di lavoro di marmo, compresa la sottoscritta. Sigh.-, basta una ciotolona di acciaio o simil-acciaio -io uso quella dell’ikea per intenderci-, un po’ di pazienza e il gioco è fatto.

EmanuelaCaorsi-RAW-CHOCOLTE

Visto che ormai ci stiamo avvicinando al Natale, e trovo che fare regali home-made sia più divertente e di solito più apprezzato, ho deciso di pubblicare questa ricetta adesso di modo che possiate fare qualche prova e poi magari regalare un po’ di questo cioccolato alle persone a cui volete bene.
Potete farne diversi tipi e poi metterli in dei sacchettini con un bel fiocchetto di corda ed ecco che avrete fatto felice qualcuno. Con il cioccolato di solito non si sbaglia mai, anche a  Natale!

Nota: la Mesquite è la polvere ottenuta dal frutto dell’albero di mesquite originario del sud degli Stati Uniti e del Messico. Ha un indice glicemico molto basso ed è ricca di minerali. Ha un sapore che a me ricorda un mix di cocco e caramello. E’ incredibilmente buona! Aggiunta ai dolci crudisti o ai frullati da un tocco in più.

EmanuelaCaorsi-RAW-CHOCOLTE-1

Il cacao crudo: un “superfood” ?

Ci sono pareri contrastanti circa l’appellativo di “superfood” per il cacao crudo: c’è chi sostiene che sia più che meritato e chi, invece, sostiene che non lo sia affatto, anzi che sia addirittura un alimento da evitare.

Partiamo dalle “brutte notizie”. C’è chi sostiene che il cacao, per il suo contenuto di caffeina e teobramina -una xantina che svolge un’azione stimolante sul sistema nervoso centrale- debba essere annoverato tra le “droghe” come il caffè, la cocaina e la marijuana per citarne alcune. Questo perché il cacao agisce sul sistema nervoso centrale ed è in sostanza uno stimolante che, come tale, può causare dipendenza.
Inoltre, il caco contiene acido ossalico che inibisce l’assorbimento del calcio.

C’è, invece, chi considera questo alimento come un cibo miracoloso grazie all’altissimo contenuto di antiossidanti che contiene. Nel 2010 Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti sviluppò la scala ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity – Capacità di assorbimento dei radicali), che misurava la capacità degli antiossidanti di assorbire i radicali liberi che causano i danni alle cellule: secondo questa scala il cacao contiene più antiossidanti delle bacche di goji, dei mirtilli, del vino rosso e del tè verde. Ad oggi, lo stesso Dipartimento afferma che questa scala non è più valida poiché i test fatti sugli uomini per verificare gli effettivi benefici degli antiossidanti nell’assorbire i radicali liberi, ha prodotto risultati contrastanti (qui trovate maggiori informazioni). Questo però non toglie che il cacao crudo contenga molti antiossidanti, i quali, svolgono funzioni benefiche sul nostro corpo.
Inoltre, il cacao è ricco di magnesio, conosciuto come “vitamina antistress” per il suo potere rilassante.

Quindi? A mio parere, un po’ di cacao ogni tanto fa solo che bene, ma senza abusarne ovviamente.

Notate che ho sempre parlato di cacao riferendomi al cacao crudo, ottenuto quindi da fave di cacao non tostate, ossia molto diverso dal cacao contenuto nei dolci -come quello usato per fare questa torta al cioccolato- o quello delle tavolette di cioccolato che si acquistano al supermercato. Quel tipo di cacao / cioccolato mantiene solo l’effetto stimolante perdendo tutto il buono che c’è nel cacao crudo, quindi non abusatene, mi raccomando. Evitate soprattutto il cioccolato nelle tavolette che contiene anche zucchero bianco, insomma un mix un po’ azzardato da concedersi solo in rarissime occasioni.

In caso però preferiate non usare il cacao potete sostituirlo con la polvere di carrube, che ha un sapore dolce che ricorda quello del cacao.

 

CIOCCOLATO RAW HOMEMADE / GF + VEG + RAW

Ingredienti.
70 gr di burro di cacao
50 gr di zucchero di cocco
40 gr di cacao crudo

Possibili aggiunte
2 cucchiai di maca / mesquite / cannella / zenzero in polvere
granella di nocciole / scaglie di mandorle / pezzetti di fave di cacao e zucchero di cocco / sale rosa dell’Himalaya sulla superficie

Procedimento.
Se lo zucchero di cocco che avete è molto grossolano, riducetelo in polvere con un frullatore. Tenete da parte.
Grattugiate o tagliate a pezzetti piccoli con un coltello il burro di cacao e mettete a sciogliere a bagno-maria facendo attenzione che non si scaldi eccessivamente (dovreste controllare che la temperatura non superi i 42°C). Mischiatelo con una spatola di tanto in tanto per facilitarne lo scioglimento.
Quando il burro di cacao è sciolto, spegnete il fuoco lasciando la ciotola sul pentolino e aggiungete il cacaco (ed eventualmente altre polveri) setacciandolo. Facendo attenzione a non bruciarvi, mescolate bene con una spatola fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi, aggiungete quindi lo zucchero e mescolate finché non si sarà ben incorporato -in caso non si sciogliesse completamente, non preoccupatevi, rimarrà buonissimo ugualmente.
Trasferite il composto in una ciotola di alluminio molto capiente e iniziate, aiutandovi con una spatola, e distribuire il composto sulle pareti della ciotola -in questo modo la temperatura del cioccolato diminuirà gradualmente: temperaggio-. Continuate fino a quando la ciotola non sarà fredda.
Rivestite una teglia con della carta da forno e versatevi sopra il cioccolato. Stendetelo con una spatola e completate con ciò che volete aggiungere sulla superficie oppure lasciatelo semplicemente liscio.
Mettete in frigo per 30 minuti a solidificare. Dopodiché tiratelo fuori e spezzatelo con le mani -non preoccupatevi se i pezzi non verranno precisi, questo è il bello del cioccolato fatto in casa!

SCARICA LA GUIDA GRATUITA!

copertina opt-in

FANTASTICO!