EmanuelaCaorsi-pumpkin-lasagna
Oh capperini! Ma anche a voi sembra che questo Natale sia arrivato più velocemente del previsto? Sarà che non fa freddo, sarà che dopo due anni a Sydney ormai non ci capisco più nulla -li il Natale si festeggia in spiaggia!-, sarà che sono io che sono un po’ rintronata, ma Natale è arrivato prima di quanto pensassi.

Visto che ormai le Feste sono alle porte, non potevo non condividere con voi la ricetta delle mie lasagne di zucca con pesto di cavolo nero e besciamella veg light. Una bomba! Ma non una bomba intesa come “mappazza”, ma intesa come esplosione di sapori e colori. Se non siete amanti della zucca potete sostituirla con del sedano rapa oppure con delle semplici lasagne: il risultato è assicurato!

EmanuelaCaorsi-lasagna-pumpkin

Nella ricetta di oggi troverete quindi due ricette base: quella del pesto di cavolo nero e quella della mia super besciamella che lascia tutti quelli che la assaggiano senza parole.Potete usare il pesto per condire la pasta e la besciamella per fare delle lasagne di verdura o per gratinare le verdure che preferite, insomma sperimentate e date libero sfogo alla vostra fantasia!

EmanuelaCaorsi-lasagna-kale-pesto

Se non avete mai provato il pesto di cavolo nero è senza dubbio arrivato il momento: ha un sapore più deciso del pesto fatto con il basilico, ma in inverno perché mai dovremmo usare un prodotto che non è di stagione quando abbiamo questa bontà a portata di mano?

Per la ricetta della besciamella veg light sono partita dalla ricetta della besciamella della mia nonna che metteva latte e farina in un pentolino e, a freddo, mischiava tutto e poi metteva sul fuoco e solo all’ultimo aggiungeva il burro. Io ho fatto lo stesso -la prima volta con del latte di soia e in questa versione con del latte autoprodotto di anacardi-, ma vedendo che la besciamella era densa e cremosa anche senza ulteriori grassi ho deciso di ometterli completamente ed il risultato è stato un successo: una crema vellutata e leggera da mangiare a cucchiaiate.

EmanuelaCaorsi-lasagna-2

Il cavolo nero: un regalo della Natura

Il cavolo nero è considerato il più potente anti-tumorale presente in natura. Di tutte le verdure a foglia, è il più ricco di carotenoidi e contiene luteina, un complesso fitochimico che alcuni scienziati considerano essere più protettivo contro il cancro del beta-carotene. Questo “cibo miracoloso” aiuta a proteggerci contro diversi tipi di cancro tra cui quello al seno, all’intestino, alla vescica, alla prostata e ai polmoni, ma anche dai problemi cardiaci regolando la pressione sanguigna.

Il cavolo nero, come tutte le crucifere, aiuta a regolare il livello di estrogeni nel nostro corpo grazie ad una sostanza che si chiama indole-3-carbinolo che supporta il fegato nella “disattivazione” ed eliminazione degli estrogeni stessi. Questo, come ho scritto nell’ultimo post, è importantissimo per tutti coloro, sia donne che uomini, che hanno problemi all’apparato genitale (es. cisti ovariche, fibrosi, endometriosi, ingrossamento della prostata o tumori all’utero o alla prostata).

Non dimenticate poi che più una verdura è verde scuro maggiore è il suo contenuto di clorofilla e la clorofilla aiuta ad rendere il nostro corpo più alcalino (alcuni studiosi sostengono che una dieta alcalina aiuti a prevenire molte malattie degenerative come cancro, diabete e problemi cardiaci per esempio) e a disintossicare il fegato.

Il cavolo nero, inoltre, è ricchissimo di calcio e per questo aiuta a rinforzare le nostre ossa e a proteggerci dall’osteoporosi. Il calcio contenuto nel cavolo nero è più facilmente assorbito dal nostro corpo di quello contenuto nel latte: il latte, come spiega qui il Professor Berrino, contiene si calcio, ma è anche un alimento che crea acidità nel nostro corpo, quindi le ossa cedono il loro contenuto di calcio per riequilibrare il pH del sangue (*), mentre invece il calcio contenuto nel cavolo nero è assorbito e mantenuto nelle nostre ossa -il calcio se consumato insieme alla vitamina C è più facilmente assorbibile, perciò aggiungete una spruzzata di limone nel pesto oppure consumate un’insalata invernale di finocchi e arance prima delle lasagne.

La cosa migliore è consumarlo crudo -usate il pesto condite riso integrale, pasta o quinoa-,  ma anche cotto mantiene parte del suo contenuto di carotenoidi e clorofilla.

(*) In modo molto semplificato ecco cosa succede: le proteine di origine animale (carne, latte e formaggio) creano acidità. Il pH del nostro sangue è leggermente basico/alcalino e deve essere mantenuto stabile. Se consumiamo carne e formaggio che creano acidità, il nostro corpo agisce subito per contrastarla per mantenere constante il suo pH: interviene quindi il calcio delle ossa che è un minerale basico/alcalino. Acido e basico/alcalino si compensano e noi stiamo bene, ma con le ossa più fragili!

 

LASAGNE DI ZUCCA CON PESTO DI CAVOLO NERO E BESCIAMELLA LIGHT / GF + VEG

Ingredienti.
Per le lasagne di zucca:
1 zucca tipo butternut

Per il pesto:
9-10 foglie di cavolo nero
35 gr di semi di girasole tostati
35 gr di noci
sale
acqua

Per la besciamella light:
70 gr di anacardi (messi in ammollo per almeno 2 ore)
600 ml di acqua
30 gr di maizena
sale marino
noce moscata

Procedimento.
Preriscaldate il forno a 200°C e rivestite una teglia con della carta da forno.
Tagliate la zucca in modo da ottenere dei rettangoli che userete al posto delle classiche lasagne. Disponete le “lasagne” di zucca sulla teglia e cuocete per 15minuti. Togliete dal forno e tenete da parte.
Preparate il pesto: frullate i semi di girasole con le noci e un pizzico di sale. Quindi aggiungete pian piano le foglie di cavolo nero lavate ed asciugate. Aggiungete un pochino d’acqua se necessario.
Per la besciamella leggera: scolate gli anacardi, sciacquateli bene e scolateli nuovamente.
Preparate il latte di anacardi frullando in un frullatore gli anacardi con l’acqua.
Versate il latte in un pentolino, aggiungete la maizena, il sale e la noce moscata. Mischiate con una frusta. Accendete il fuoco e fate cuocere, mescolando, finché la salsa non sarà addensata.
Versate la besciamella in una ciotola (conservatene qualche cucchiaio per la decosazione finale) e aggiungetevi 3/4 del pesto e mescolate.
Componete le lasagne: disponete uno strato di besciamella al pesto sul fondo, quindi fate uno strato di “lasagne” di zucca aggiungete un pizzico di sale, coprite con la besciamella al pesto e con qualche cucchiaino di pesto. Continuate così di modo da creare due o tre strati (meglio tre!). Per completare, coprite l’ultimo strato di zucca con la besciamella al pesto e aggiungete qua e là la besciamella bianca e mischiatele con il dorso del cucchiaio per creare un effetto “marmorizzato”. Versate un un pochino di olio evo a filo e qualche seme di girasole.
Infornate in forno già caldo per 15-20 minuti o finché la superficie non avrà creato una crosticina croccante.
Servite subito. Ottime anche il giorno successivo, scaldate in forno.

SCARICA LA GUIDA GRATUITA!

copertina opt-in

FANTASTICO!